Antonio Giordano

Sì, beh, questa è solo, tipo, la tua opinione amico.

Più veloce della luce

Ormai la notizia è circolata: un esperimento congiunto tra il Cern e i laboratori nazionali del Gran Sasso, dell’Infn, avrebbe scoperto che alcune particelle, i neutrini, si muoverebbero a velocità prossime a quelle della luce. Il rivelatore di velocità è l’esperimento OPERA, al Gran Sasso, un apparato di tante pellicole fotografiche che vengono impressionate dai neutrini generati al Cern. L’esperimento ovviamente deve essere ripetuto e verificato da altri laboratori.  Apprezzo molto il tono di cauta apertura dei miei commentatori scientifici preferiti, Marco Cattaneo e Amedeo Balbi, sulla questione.

Se non altro, contrariamente ad altri annunci roboanti di scoperte scientifiche, questo annuncio è stato fatto come si deve, avvisando prima la comunità scientifica, e pubblicando un paper in cui vengono pubblicati i dati. Ora vediamo che esito daranno le verifiche incrociate. Fa molto piacere, comunque, che istituzioni italiane come l’Infn, con cui sono stato in contatto più volte (QUI e QUI le gallerie delle mie visite ai laboratori di Frascati e a quelli di Catania), anche per ricerche connesse ai neutrini, e di cui conosco l’enorme valore, siano al centro di notizie e cambiamenti così importanti. Come ho detto più volte, è bellissimo vivere questi tempi, se si sceglie il giusto punto di osservazione. E le ricerche scientifiche sono sicuramente uno di quei punti di osservazione privilegiati.

Per questo mi dispiace, poi, vedere come ci si perda nei dettagli. Da questa mattina sto cercando un giornale, una rivista on line, un blog, che abbia foto fresche dell’esperimento Opera, o in generale dei laboratori del Gran Sasso. Non ce ne sono; a dire il vero – ma sono sempre disposto ad accogliere una smentita – non ho proprio trovato foto dei laboratori del Gran Sasso. In questo momento la rappresentazione visiva di quello che è successo al Gran Sasso è affidata solo a interpretazioni grafico/artistiche, o, peggio, a foto che non c’entrano nulla non dico con i laboratori in questione, ma proprio con la fisica nucleare.

E non è sicuramente un caso. L’accesso di fotografi ai Laboratori del Gran Sasso è da tempo limitato a servizi commissionati. In altre parole, o sei inviato da una testata, che ha già in mente un servizio da realizzare sui laboratori, oppure non entri. Non si lavora per l’archivio – cosa che, per inciso, ho personalmente tentato di fare ai laboratori del Gran Sasso, per conto della mia agenzia. Questa cosa che può anche essere condivisibile: un amico fisico che un pò conosce l’ambiente, mi diceva che tra politici, giudici ed ecologisti i laboratori del Gran Sasso hanno avuto qualche grattacapo, e quindi ci vanno cauti con i contatti con la stampa. Però, la contropartita è che quando tutti dovrebbero parlare – soprattutto – del Gran Sasso, parlano del Cern. E mettono immagini del Cern. A leggere i giornali di stamattina pare che tutto, in queste ore, ruoti intorno al Cern, e questo mi sembra ingiusto nei confronti dei laboratori del Gran Sasso. Ma è il risultato che si ottiene quando si fa fare tutto ai giornali: al momento giusto, tutti si rivolgeranno alle agenzie, le quali non hanno immagini fresche dei laboratori. E se aspettiamo che i giornali italiani, in questo momento, commissionino a qualcuno una visita a un laboratorio, stiamo freschi.

Il risultato è che si avrà informazione incompleta, distorta o poco solida, e che si è persa un’occasione per farne di buona. Perché certo, si possono alzare le spalle, e prendersela con la sciatteria (indubbia) dei giornalisti nostrani quando si occupano di scienza, se invece di una foto di Opera viene pubblicata la foto di un laboratorio x, o proprio di un luogo che non c’entra niente con la fisica. O, in alternativa, si può pensare che una foto vale l’altra, e che il pubblico tanto non capirebbe la differenza. Belle foglie di fico, che coprono il fatto che nessuno potrà vedere com’è fatto, esattamente, questo maledetto rivelatore. O potrà vederlo in foto fatte anni fa, che poi è la stessa cosa. I risultati del controllo delle informazioni, sono anche questi. Adesso speriamo che questo venga capito.

Previous

Settimana Alfonsiana 2011

Next

Buone cose

4 Comments

  1. Antonio Giordano

    Ottimo pezzo. Contiene tutta la cautela che ci vuole in questi casi…
    Sto leggendo diversi reporter del Guardian, per esempio, che si chiedono come mai si sia preferito parlare prima con la reuters invece che con la comunità internazionale. Ma credo che qui, più che di malizia da parte dei fisici, si debba parlare di media: Reuters e tutti gli altri messi sotto embargo, e il buon Zichichi che fa? Una bella intervista al “Giornale”, con cui prova ad anticipare un pò di cosette, e rischia di rovinare l’uscita degli altri. Che, a questo punto, sono stati costretti ad uscire prima ancora dell’articolo dei fisici…. un gran pastrocchio, insomma!

  2. Martino

    Esatto! C’è una guerra di comunicazione sotterranea di cui si possono solo intuire le schermaglie… e vedi come titola al momento Repubblica?

    Il Cern conferma la scoperta
    “Neutrini più veloci della luce”

    Sembrerebbe che la paternità della scoperta sia del CERN e non dell’INFN (che non viene nemmeno nominato…)

  3. Martino

    Confermo, il mio collega ha appena detto “Al CERN hanno scoperto…”, complimenti INFN, bel colpo… così imparate a non far entrare il mio amico fotoreporter…!

    😉

Lascia un commento

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén